Lìberos

Codice Etico

L'associazione Lìberos opera sul territorio sardo attraverso la forza di un patto di solidarietà tra gli operatori della filiera del libro. Questa solidarietà è fatta di comportamenti attivi definiti da un codice etico. I mediatori culturali professionali, non profit o istituzionali che vogliono aderire alla comunità di Lìberos si impegnano a condividerne lo spirito e a offrire ai lettori sardi esperienze dove la qualità dell'offerta culturale non sia mai separata dal rispetto delle relazioni di rete.

Cosa significa per gli operatori?

I LIBRAI aderenti a Lìberos si impegnano a non mettere in atto azioni di concorrenza sleale, ovvero comportamenti commerciali che mirino, pur non violando formalmente la legge Levi sul prezzo del libro, ad aggirarne in tutto o in parte lo spirito costruttivo. Il libraio aderente non organizza presentazioni di libri pubblicati da editori a pagamento o a doppio binario, fatte salve le eccezioni specificate. Se nel proprio esercizio sceglie comunque di esporre testi autoprodotti dagli autori o stampati attraverso i circuiti dell'editoria a pagamento, si impegna a segnalarne la natura con apposita evidenza, a vantaggio della consapevolezza del lettore e della trasparenza dell'offerta editoriale.
 


Gli AUTORI che aderiscono a Lìberos si impegnano a garantire agli operatori associati (librai, bibliotecari, associazioni, festival) condizioni di esclusiva o di anteprima sulla propria attività professionale di promozione. In caso di partecipazione a eventi organizzati da soggetti non commerciali esterni alla struttura del circuito – rassegne, istituzioni, scuole – gli autori si impegnano a chiedere come condizione della propria presenza il fatto che la disponibilità delle proprie opere sia comunque garantita da un libraio del circuito. Gli autori si rendono inoltre disponibili al supporto solidale – commisurato alla sensibilità e al gusto di ciascuno – di autori esordienti aderenti al circuito, attraverso azioni di visibilità previamente concordate e il sostegno di progetti editoriali che promuovano i giovani talenti. Lìberos esclude in qualunque forma, anche per mezzo dei suoi autori aderenti, la promozione dell'editoria a pagamento e del self publishing e degli autori che vi fanno ricorso.
 


Gli EDITORI che aderiscono a Lìberos si impegnano a garantire agli operatori associati (librai, bibliotecari, festival, associazioni) condizioni di esclusiva o di anteprima sui passaggi più significativi della propria attività editoriale. Lìberos non accetta l'adesione di editori che chiedano agli autori di contribuire in qualunque forma economica alla produzione delle loro opere, fatte salve le eccezioni specificate.


Le BIBLIOTECHE aderenti a Lìberos - in fase di fornitura annuale dei libri - si impegnano a tenere conto del valore aggiunto rappresentato dalla professionalità degli operatori del circuito, privilegiando il rapporto economico con essi rispetto a quei soggetti di mercato che con i propri comportamenti commerciali mirino ad aggirare la lettera o lo spirito della Legge Levi. La biblioteca che aderisce si impegna inoltre a porre un'attenzione particolare verso degli editori locali aderenti al circuito, e rinuncia alla promozione di libri pubblicati da editori a pagamento o a doppio binario, fatte salve le eccezioni elencate.
 



I FESTIVAL e le ASSOCIAZIONI CULTURALI che aderiscono a Lìberos si impegnano a garantire un'offerta culturale rispettosa delle relazioni di filiera, scegliendo librai locali per la fornitura dei testi in vendita negli eventi ed evitando la promozione di libri pubblicati da editori a pagamento o a doppio binario, fatte salve le eccezioni specificate.


Eccezioni per l'editoria a pagamento
 


L'editore è un imprenditore che investe sulla scrittura dell'autore e offre al lettore la garanzia di un prodotto letterario editorialmente compiuto. Per questo motivo Lìberos non considera etica la produzione e promozione di testi realizzati con il contributo dell'autore, sia in forma diretta tramite il pagamento di una somma che in forma indiretta tramite la promessa dell'acquisto di copie o la cessione dei diritti di sfruttamento dell'opera. Gli editori a pagamento non possono iscriversi a Lìberos, né possono farlo i loro autori. La narrativa a pagamento è sempre esclusa dalle attività di promozione degli associati al circuito, qualunque sia la loro natura. Le eccezioni a questa norma riguardano la promozione nel circuito, ma non l'adesione degli autori a Liberos, e sono:

- Libri fotografici di pregio realizzati con il contributo dell'autore o di uno sponsor.
- Libri di interesse locale finanziati da istituzioni o privati, compreso l'autore.
- Testi saggistici o specialistici e atti di convegni di studio.
- Libri in lingua sarda, compresi quelli illustrati.

Se condividi e sottoscrivi questo codice etico scrivici a segreteria@liberos.it

Negli anni lo hanno sottoscritto:

Autori: Alberto Mario DeLogu, Alberto Masala, Aldo Sechi, Alessandro Bastasi, Alessandro Frailis, Alessandro Pilo, Alessandro Stellino, Alex Pietrogiacomi, Andrea Atzori, Andrea Mameli, Andrea Pau, Andrea Pugliese, Andrea Serra, Angela Ragusa, Annalisa Ferruzzi, Annamaria Pulina, Anthony Muroni, Antonio Bachis, Antonio Pagliaro, Antonio Strinna, Arianna Franceschi, Arturo Robertazzi, Barbara Sessini, Bruna Putzulu, Carlo Deffenu, Carlo Zanda, Chiara Valerio, Claudia Sarritzu, Claudia Zedda, Claudio Bagnasco, Claudio Morandini, Cristian Mannu, Cristiano Sabino, Elena Morando, Eliano Cau, Emiliano Longobardi, Emilio Gentile, Enrico Pandiani, Eric Gobetti, Fabio Forma, Fabrizio Fenu, Fabrizio Lo Bianco, Francesco Cubeddu, Francesco Mastinu, Franco Arba, Gabriele Valle, Giancarlo Biffi, Gianfranco Cambosu, Gianluca Floris, Gianmichele Lisai, Giannetta Garau, Gianni Tetti, Gianni Usai, Gianni Zanata, Giovanni Davide Piras, Giovanni Graziano Manca, Giulio Concu, Guido Mattioni, Guido Spano, Iolanda Romano, Lina Dettori, Livy Former, Lorenzo Braina, Luca Paulesu, Luca Sulis, Manuelle Mureddu, Marcello Fois, Marco Di Tillo, Marco Porru, Maria Annunziata Giannotti, Maria Lidia Petrulli, Maria Stella Cingolo, Mario Borghi, Marisa Fois, Massimo Granchi, Massimo Miro, Massimo Spiga, Matteo Di Giulio, Maurizio Onnis, Max Bosso, Paolo Cornaglia Ferraris, Michela Murgia, Michele Pio Ledda, Nicola Manca, Nicola Verde, Nicolò Migheli, Omar Onnis, Paola Musa, Paolo Logli, Paolo Maccioni, Pier Bruno Cosso, Pietro Scanu, Giovanni Sias, Roberta Deiana, Roberto Alba, Roberto Concu, Roberto Delogu, Sandro Lecca, Sandro Roggio, Savina Dolores Massa, Silvia Sanna, Silvio Valpreda, Simona Baldelli, Simona Tilocca, Simone Spada, Stefano Aranginu, Tiziano Scarpa, Vincenzo Soddu

Case editrici: AM&D Edizioni, Angelica Editore, Arkadia Editore, Asterisk edizioni, Bonfirraro Editore, Caracò editore, edizioni del Foglio Clandestino, Edizioni di Karta, Edizioni Segnavia, Edizioni6pollici, Edizionirebus, Ethos Edizioni, Green Comm Services, Il Camarillo Brillo, Ilisso Edizioni, Iniziative Editoriali, Mucchi Editore, Needream Entertainment, Orablu Edizioni, Palabanda edizioni, Parallelo45 Edizioni, Regina Zabo, Runa Editrice, Siska Editore, Voland

Librerie: AltreStorie (Oristano), Antica Cartoleria del Corso (Cagliari), CarTolaria (Thiesi), Cartolibreria l'Abaco (Fonni), Cyrano Libri Vino Svago (Alghero), Giumar Multiservice (Siniscola), Kublai (Lucera), La Bottega delle Emozioni (Cagliari), Libreria Amadori (Budoni), Libreria Azuni (Sassari), Libreria Bardamù Ubik (Tempio Pausania), Libreria Caffetteria Dorian Gray (Terralba), Libreria Del Corso (Cagliari), Libreria Dessì (Sassari), Libreria Emmepi Ubik (Macomer), Il Bastione (Cagliari), Koiné Ubik (Sassari e Porto Torres), Lilith (Carbonia), Max 88 (Sassari), Mieleamaro (Cagliari e Nuoro), Mondadori (Oristano e Iglesias), Simona (Iglesias), Tiziano (Cagliari), Libreria Ubik (Olbia), Librid (Oristano), Lythos (Alghero), Messaggerie Sarde (Sassari), Nuova Godot (Isili), Piccola libreria "Sa tellaja" (Pauli Arbarei), Sogni di Carta (Quartu Sant'Elena), Ti con Zero (Bosa), Tuttestorie (Cagliari), Ubik (Cagliari), Ubik (Foggia)

Biblioteche comunali di Palmas Arborea, Sarule, Olmedo, Ales, Bitti, Cabras, Fordongianus, Furtei, Luogosanto, Mogoro, Neoneli, Pula, Teti, Tissi, Valledoria, Marrubiu, Samugheo, Isili; Istituzione San Michele di Ozieri; Sistema Bibliotecario Urbano di Siniscola

Associazioni e altre formazioni culturali: Agugliastra.it - Il sito dell'Ogliastra, Arts Tribu, Teulandia (Teulada), Associazione Àndala noa asdc(Borutta), Cherimus, Associazione culturale Alba Scriptorum (Sadali), Associazione culturale Coro Padentes (Desulo), Associazione culturale Escovedu (Escovedu), Associazione culturale Ex libris (Santu Lussurgiu, Montresta), Associazione culturale intercomunale Isperas (Pozzomaggiore), Associazione culturale Malik (Cagliari), Associazione culturale Mana, Associazione culturale Materia grigia (Sassari), Associazione culturale Orogom (Mogoro), Associazione culturale Sassari Cosplay, Associazione culturale tradizioni popolari Boghes de Cheremule, Associazione Frontes (Nuoro), Associazione Khorakhané (Nuraminis), Associazione Musicale Coro Santanna, Barbagia ospitale (Belvì), Betistòria (Nuoro), Associazione culturale Biblios (Isili), Bocheteatro (Nuoro), Cada Die Teatro (Cagliari), Cantieri d'Arte - Teatro della Chimera (Lanusei), Casacasu (Iglesias), Centre Culturel dela Vallée du Logone (Camerun), Circolo dei lettori Isola dei senza colore (Porto Torres), Coilibrì (Sassari), EducAttivaMente (Oristano), Effezero (Cagliari), Fabbricastorie, Hanife Ana teatro jazz (Oristano), I Racconti di Monumenti Aperti, Il caffè della nuvole (Cagliari), Il Calderone, Il Club di Jane Austen - Circolo letterario femminile (Villacidro), Il Ferro Dorato (Oristano), Il Paese delle meraviglie (Cagliari), ISTASAC - Istituto Storia Antifascismo e dell'età contemporanea della Sardegna Centrale, Karalettura (Cagliari), L'Isola che c'è (Lanusei), La botte e il cilindro - teatro Ferroviario (Sassari), LibraiAlCentro (Sassari), Librando - gruppo spontaneo lettori, Libriforas aps, Lo Spazio Bianco (San Gavino Monreale), Lughené associazione culturale (Gergei), MAB Teatro (Sassari), Miele amaro – il circolo dei lettori (Cagliari), mOvimenTa! (La Caletta), Naranara, noiDonne 2005, Odradek senza fissa dimora, officinAcustica, Osservatorio Fotografico, Perda sonadora associazione culturale (Seneghe), Presidio del Libro Kollettivo 22 (Nuoro), Promozione della cultura del fumetto e del cinema d'animazione (Cagliari), Pulp (Olbia), Punti di Vista (Ovodda), Raichinas e chimas - Radici e Germogli (Dorgali), S'arriu de is fainas (San Giovanni Suergiu), Scioglilibro onlus (Cagliari), Spazio per Tempo (Quartucciu), Teatro Impossibile (Cagliari), Teatro del Segno (Cagliari), Teatro Stabile della Sardegna, Voce in capitolo, VOES, What About Sardinia, Yourope Sardinia

Festival letterari: Agosto letterario a Santa Lucia (Siniscola), Atòbios de Paule (Paulilatino), BaB - Associazione Incoro (Guspini), Cabudanne de sos poetas / Settembre dei poeti (Seneghe), Festival letterario "A libro aperto" (Santu Lussurgiu), Festival Mediterraneo del Giallo e del Noir (Sassari), Figiurà (Sassari), L'isola raccontata (Cagliari), Pensieri e Parole: libri e film all'Asinara (Porto Torres)

Network collegati: Centro di Servizi Culturali U.N.L.A. Macomer, Centro Servizi Culturali U.N.L.A. Oristano, Conchidortos

Non sei ancora iscritto?


Perché iscriversi a Lìberos?

Per presentarsi. Liberos.it è un social network, quindi uno spazio dove farsi riconoscere come soggetti individuali e interagire con gli altri. Qui, dietro ai nickname, ci sono sempre delle persone.

Per appartenenza. Gli altri social network sono piattaforme globali, non tematiche e non legate a un luogo fisico preciso: chi si iscrive a Facebook non si identifica in Facebook, ma nella propria rete personale di contatti. Nello spazio virtuale di liberos.it si incontra invece una comunità reale di appassionati di libri, radicata in un territorio e coesa da un codice etico. Iscriversi a liberos.it significa riconoscere l'ideale di questa appartenenza.

Perché personalizza le scelte. Avere le statistiche di iscrizione ci rende precisi, perché ci permette di applicare dei filtri allo scambio di informazioni. I dati facoltativi sui nostri gusti e sulla nostra geolocalizzazione ci aiutano a scegliere - in mezzo a tutte gli stimoli disponibili - cosa vogliamo fare e cosa ci interessa davvero sapere.