Lìberos

Libro

La mia Libreria

Devi effettuare l'accesso per visualizzare le tue informazioni utente.

Accedi ora o registrati


E intanto, mentre non c'eri...

Michela L.


Huckelberry Finn
Questo mese, 02-02-2023
La mala erba
Antonio Manzini

Un libro che proprio non mi aspettavo da Manzini, forse è per questo che sono rimasta delusa. Non sembra nemmeno scritto da lui, personaggi poc [...]

Maria Agostina


Don Chisciotte
Questo mese, 26-01-2023
I miei stupidi intenti
Bernardo Zannoni

Una lirica. Animali che vivono nel bosco, in lotta per la sopravvivenza ma tormentati da Dio. Usano piatti e letti e sedie per sedersi, e scr [...]

Maria Agostina


Don Chisciotte
Questo mese, 23-01-2023
I libri si sentono soli
Luigi Contu

È la intima testimonianza, tutta avvolta intorno alla storia della biblioteca di famiglia, di Luigi Contu. I libri più cari e antichi si trova [...]

Devi effettuare l'accesso per visualizzare le informazioni sulla tua libreria.

Accedi ora o registrati

Devi effettuare l'accesso per inserire questo libro nella tua libreria.

Accedi ora o registrati

Elena Ferrante

I giorni dell'abbandono

Voto medio della comunità Lìberos
Recensioni (1)
Inserito il 19-03-2019 da Michela L.
Aggiornato il 19-03-2019 da Michela L.
Disponibile in 3 librerie
Inserito il 19-03-2019 da Michela L.
Aggiornato il 19-03-2019 da Michela L.
Disponibile in 3 librerie

Una donna ancora giovane, serena e appagata, tutt'altro che inattiva nel cerchio sicuro della famiglia, viene abbandonata all'improvviso dal marito e precipita in un gorgo scuro e antico. Rimasta con i due figli e il cane, profondamente segnata dal dolore e dall'umiliazione, Olga, dalla tranquilla Torino dove si è trasferita da qualche anno, è risucchiata tra i fantasmi della sua infanzia napoletana, che si impossessano del presente e la chiudono in una allenata e intermittente percezione di sé. Comincia a questo punto una caduta rovinosa che mozza il respiro, un racconto che cattura e trascina fino al fondo più nero, più dolente dell'esperienza femminile.

Devi effettuare l'accesso per inserire le tue informazioni sulla lettura di questo libro.

Accedi ora o registrati

Modifica date lettura

Inizio lettura

Fine lettura

Recensioni

Sabriliberos

A distanza di un paio d'anni (o forse più...) dall'aver visto il film, leggere il libro è stato ugualmente interessante. Sicuramente l'ho trovato molto più crudo, molto più approfondito nella voragine del dolore dell'abbandono, del tradimento, sin quasi alla follia. Peccato che lo spazio dedicato alla ripresa sia stato, secondo me, troppo poco (invece nel film mi sembrava fosse superiore). Ho trovato anche "bella" questa volgarità nelle parole, nei pensieri, l'ho trovata molto realistica, chi mai sarebbe composta nell'affrontare un'esperienza del genere? Così come ho trovato un pensiero che condivido, quella dell'idolatrazione del proprio amore, della persona destinataria di tale sentimento, dell'accecante incapacità di vedere le persone per ciò che sono realmente, salvo riuscirci poi, a posteriori (a mente e cuore "freddi").

Valuta la recensione

Editore: E/O

Lingua: (DATO NON PRESENTE)

Numero di pagine: 228

Formato: (DATO NON PRESENTE)

ISBN-10: 8876418563

ISBN-13: 9788876418563

Data di pubblicazione: 2009

Devi effettuare l'accesso per tracciare questo libro.

Accedi ora o registrati


Chi lo ha letto

Nessun utente ha letto questo libro

Chi lo sta leggendo

Nessun utente sta leggendo questo libro

Devi effettuare l'accesso per visualizzare le informazioni sulla tua libreria.

Accedi ora o registrati

Devi effettuare l'accesso per inserire questo libro nella tua libreria.

Accedi ora o registrati

Elena Ferrante

I giorni dell'abbandono

Voto medio della comunità Lìberos
Recensioni (1)
Inserito il 19-03-2019 da Michela L.
Aggiornato il 19-03-2019 da Michela L.
Disponibile in 3 librerie
Inserito il 19-03-2019 da Michela L.
Aggiornato il 19-03-2019 da Michela L.
Disponibile in 3 librerie

Una donna ancora giovane, serena e appagata, tutt'altro che inattiva nel cerchio sicuro della famiglia, viene abbandonata all'improvviso dal marito e precipita in un gorgo scuro e antico. Rimasta con i due figli e il cane, profondamente segnata dal dolore e dall'umiliazione, Olga, dalla tranquilla Torino dove si è trasferita da qualche anno, è risucchiata tra i fantasmi della sua infanzia napoletana, che si impossessano del presente e la chiudono in una allenata e intermittente percezione di sé. Comincia a questo punto una caduta rovinosa che mozza il respiro, un racconto che cattura e trascina fino al fondo più nero, più dolente dell'esperienza femminile.

Devi effettuare l'accesso per inserire le tue informazioni sulla lettura di questo libro.

Accedi ora o registrati

Modifica date lettura

Inizio lettura

Fine lettura

Recensioni

Sabriliberos

A distanza di un paio d'anni (o forse più...) dall'aver visto il film, leggere il libro è stato ugualmente interessante. Sicuramente l'ho trovato molto più crudo, molto più approfondito nella voragine del dolore dell'abbandono, del tradimento, sin quasi alla follia. Peccato che lo spazio dedicato alla ripresa sia stato, secondo me, troppo poco (invece nel film mi sembrava fosse superiore). Ho trovato anche "bella" questa volgarità nelle parole, nei pensieri, l'ho trovata molto realistica, chi mai sarebbe composta nell'affrontare un'esperienza del genere? Così come ho trovato un pensiero che condivido, quella dell'idolatrazione del proprio amore, della persona destinataria di tale sentimento, dell'accecante incapacità di vedere le persone per ciò che sono realmente, salvo riuscirci poi, a posteriori (a mente e cuore "freddi").

Valuta la recensione

Éntula 2022

Dicci dove sei e ti diremo cosa succede intorno a te

Liquida 2022