Lìberos

Libro

La mia Libreria

Devi effettuare l'accesso per visualizzare le tue informazioni utente.

Accedi ora o registrati


E intanto, mentre non c'eri...

Maria Agostina


Don Quisciotte
Questo mese, 02-10-2022
Il viaggio dell'elefante
Jose Saramago

Un viaggio nel tempo nel quale la mano esperta dell'autore ci guida costringendoci a tenere ben strette le pagine, quasi del tutto prive di punte [...]

Maria Agostina


Don Quisciotte
Oltre un mese fa, 02-09-2022
Beach Music
Pat Conroy

Ricorda una chiesa barocca, troppo piena e con stili diversi. Ma bella.

Akribia


Don Quisciotte
Oltre un mese fa, 19-04-2022
Cronorifugio
Georgi Gospodinov

Il libro di cui l'Europa aveva bisogno. Geniale.

Devi effettuare l'accesso per visualizzare le informazioni sulla tua libreria.

Accedi ora o registrati

Devi effettuare l'accesso per inserire questo libro nella tua libreria.

Accedi ora o registrati

Gail Honeyman

Eleanor Oliphant sta benissimo

Voto medio della comunità Lìberos
Recensioni (2)
Inserito il 07-03-2019 da Maria Agostina
Aggiornato il 02-04-2022 da _Giovanno
Disponibile in 3 librerie
Inserito il 07-03-2019 da Maria Agostina
Aggiornato il 02-04-2022 da _Giovanno
Disponibile in 3 librerie

IL CASO EDITORIALE DELL'ANNO, PUBBLICATO IN 35 PAESI, PER MESI IN VETTA ALLE CLASSIFICHE
Una protagonista che dice sempre quello che pensa. Diventerà un'amica di cui non potrete fare a meno.


«Commovente e saggio. Leggetelo.»
People

«Indimenticabile e vero.»
Daily Mail

«Un fenomeno che ha dato vita a un nuovo genere letterario.»
The Guardian

«Imperdibile. Uno degli esordi più riusciti dell’anno.»
New York Times

«Non ha eguali.»
The Observer

L’unica cosa che conta è rimanere fedeli a ciò che si è veramente

Mi chiamo Eleanor Oliphant e sto bene, anzi: sto benissimo.
Non bado agli altri. So che spesso mi fissano, sussurrano, girano la testa quando passo. Forse è perché io dico sempre quello che penso. Ma io sorrido. Ho quasi trent’anni e da nove lavoro nello stesso ufficio. In pausa pranzo faccio le parole crociate. Poi torno a casa e mi prendo cura di Polly, la mia piantina: lei ha bisogno di me, e io non ho bisogno di nient’altro. Perché da sola sto bene.
Solo il mercoledì mi inquieta, perché è il giorno in cui arriva la telefonata di mia madre. Mi chiama dalla prigione. Dopo averla sentita, mi accorgo di sfiorare la cicatrice che ho sul volto e ogni cosa mi sembra diversa. Ma non dura molto, perché io non lo permetto.
E se me lo chiedete, infatti, io sto bene. Anzi, benissimo.
O così credevo, fino a oggi.
Perché oggi è successa una cosa nuova. Qualcuno mi ha rivolto un gesto gentile. Il primo della mia vita. E all’improvviso, ho scoperto che il mondo segue delle regole che non conosco. Che gli altri non hanno le mie paure, non cercano a ogni istante di dimenticare il passato. Forse il «tutto» che credevo di avere è precisamente tutto ciò che mi manca. E forse è ora di imparare davvero a stare bene.
Anzi: benissimo.

Gail Honeyman ha scritto un capolavoro. Un libro che secondo la stampa internazionale più autorevole rimarrà negli annali della letteratura. Un romanzo che per i librai è unico e raro come solo le grandi opere possono essere. In corso di pubblicazione in 35 paesi, è il romanzo d’esordio più venduto di sempre in Inghilterra, dove è da più di un anno in vetta alle classifiche. Ha vinto il Costa First Novel Award e presto diventerà un film. Una protagonista in cui tutti possono riconoscersi. Una storia di resilienza, di forza, di dolore, di speranza. Un grande romanzo con una grande anima.

Devi effettuare l'accesso per inserire le tue informazioni sulla lettura di questo libro.

Accedi ora o registrati

Modifica date lettura

Inizio lettura

Fine lettura

Recensioni

Maria Agostina

Il debutto in società di Eleanor con sorpresa, un'amicizia, un passaggio catartico attraverso un terribile passato. Gli elementi per coinvolgere non mancano ma la seconda parte tradisce le aspettative iniziali.

Valuta la recensione

_Giovanno

Era da tanto che ero curioso di leggere questo romanzo, così quando l’ho visto su Audible, l’ho subito ascoltato. E direi che ho fatto bene, anzi, benissimo ???? Eleanor vive una vita molto ripetitiva, lavora nello stesso ufficio da 9 anni, parole crociate in pausa pranzo, si prende cura della sua piantina, la vodka le fa compagnia nei fine settimana e il mercoledì sente la madre al telefono. Un giorno incontra Samuel e la sua famiglia chiassosa, ma sopratutto Raymond e la sua mamma. Basterà il gesto gentile proprio di Raymond a farle aprire gli occhi e capire che c’è un mondo la fuori. Fra passato e presente scopriremo chi è Eleanor e cosa le è successo, ma soprattutto cosa prova. Voto: 9 ✒️”Alcune persone - i deboli- hanno paura della solitudine. Ciò che non riescono a comprendere è che possiede qualcosa di molto liberatorio: una volta che ti rendi conto di non avere bisogno di nessuno, puoi prenderti cura di te stesso.” È un libro che fa emozionare, davvero consigliato. E la voce e l’interpretazione di Elisa Giorgio lo rende a cosa più speciale ✨

Valuta la recensione

Editore: Garzanti

Lingua: Italiano

Numero di pagine: 352

Formato: (DATO NON PRESENTE)

ISBN-10: 8811603242

ISBN-13: 9788811603245

Data di pubblicazione: 2018

Devi effettuare l'accesso per tracciare questo libro.

Accedi ora o registrati


Chi lo ha letto

Nessun utente ha letto questo libro

Chi lo sta leggendo

Nessun utente sta leggendo questo libro

Devi effettuare l'accesso per visualizzare le informazioni sulla tua libreria.

Accedi ora o registrati

Devi effettuare l'accesso per inserire questo libro nella tua libreria.

Accedi ora o registrati

Gail Honeyman

Eleanor Oliphant sta benissimo

Voto medio della comunità Lìberos
Recensioni (2)
Inserito il 07-03-2019 da Maria Agostina
Aggiornato il 02-04-2022 da _Giovanno
Disponibile in 3 librerie
Inserito il 07-03-2019 da Maria Agostina
Aggiornato il 02-04-2022 da _Giovanno
Disponibile in 3 librerie

IL CASO EDITORIALE DELL'ANNO, PUBBLICATO IN 35 PAESI, PER MESI IN VETTA ALLE CLASSIFICHE
Una protagonista che dice sempre quello che pensa. Diventerà un'amica di cui non potrete fare a meno.


«Commovente e saggio. Leggetelo.»
People

«Indimenticabile e vero.»
Daily Mail

«Un fenomeno che ha dato vita a un nuovo genere letterario.»
The Guardian

«Imperdibile. Uno degli esordi più riusciti dell’anno.»
New York Times

«Non ha eguali.»
The Observer

L’unica cosa che conta è rimanere fedeli a ciò che si è veramente

Mi chiamo Eleanor Oliphant e sto bene, anzi: sto benissimo.
Non bado agli altri. So che spesso mi fissano, sussurrano, girano la testa quando passo. Forse è perché io dico sempre quello che penso. Ma io sorrido. Ho quasi trent’anni e da nove lavoro nello stesso ufficio. In pausa pranzo faccio le parole crociate. Poi torno a casa e mi prendo cura di Polly, la mia piantina: lei ha bisogno di me, e io non ho bisogno di nient’altro. Perché da sola sto bene.
Solo il mercoledì mi inquieta, perché è il giorno in cui arriva la telefonata di mia madre. Mi chiama dalla prigione. Dopo averla sentita, mi accorgo di sfiorare la cicatrice che ho sul volto e ogni cosa mi sembra diversa. Ma non dura molto, perché io non lo permetto.
E se me lo chiedete, infatti, io sto bene. Anzi, benissimo.
O così credevo, fino a oggi.
Perché oggi è successa una cosa nuova. Qualcuno mi ha rivolto un gesto gentile. Il primo della mia vita. E all’improvviso, ho scoperto che il mondo segue delle regole che non conosco. Che gli altri non hanno le mie paure, non cercano a ogni istante di dimenticare il passato. Forse il «tutto» che credevo di avere è precisamente tutto ciò che mi manca. E forse è ora di imparare davvero a stare bene.
Anzi: benissimo.

Gail Honeyman ha scritto un capolavoro. Un libro che secondo la stampa internazionale più autorevole rimarrà negli annali della letteratura. Un romanzo che per i librai è unico e raro come solo le grandi opere possono essere. In corso di pubblicazione in 35 paesi, è il romanzo d’esordio più venduto di sempre in Inghilterra, dove è da più di un anno in vetta alle classifiche. Ha vinto il Costa First Novel Award e presto diventerà un film. Una protagonista in cui tutti possono riconoscersi. Una storia di resilienza, di forza, di dolore, di speranza. Un grande romanzo con una grande anima.

Devi effettuare l'accesso per inserire le tue informazioni sulla lettura di questo libro.

Accedi ora o registrati

Modifica date lettura

Inizio lettura

Fine lettura

Recensioni

Maria Agostina

Il debutto in società di Eleanor con sorpresa, un'amicizia, un passaggio catartico attraverso un terribile passato. Gli elementi per coinvolgere non mancano ma la seconda parte tradisce le aspettative iniziali.

Valuta la recensione

_Giovanno

Era da tanto che ero curioso di leggere questo romanzo, così quando l’ho visto su Audible, l’ho subito ascoltato. E direi che ho fatto bene, anzi, benissimo ???? Eleanor vive una vita molto ripetitiva, lavora nello stesso ufficio da 9 anni, parole crociate in pausa pranzo, si prende cura della sua piantina, la vodka le fa compagnia nei fine settimana e il mercoledì sente la madre al telefono. Un giorno incontra Samuel e la sua famiglia chiassosa, ma sopratutto Raymond e la sua mamma. Basterà il gesto gentile proprio di Raymond a farle aprire gli occhi e capire che c’è un mondo la fuori. Fra passato e presente scopriremo chi è Eleanor e cosa le è successo, ma soprattutto cosa prova. Voto: 9 ✒️”Alcune persone - i deboli- hanno paura della solitudine. Ciò che non riescono a comprendere è che possiede qualcosa di molto liberatorio: una volta che ti rendi conto di non avere bisogno di nessuno, puoi prenderti cura di te stesso.” È un libro che fa emozionare, davvero consigliato. E la voce e l’interpretazione di Elisa Giorgio lo rende a cosa più speciale ✨

Valuta la recensione

È online il nuovo sito di Éntula

Dicci dove sei e ti diremo cosa succede intorno a te

Liquida 2022